martedì 27 luglio 2010

La passione per il mare
ARAGOSTE E CORALLO
Gianni Atzori a Su Pallosu




Il mare, che passione.Pesci, corallo e Su Pallosu.Nel 1961 una svolta decisiva di Gianni Atzori fu l'acquisto dal Comune di San Vero Milis di un pezzo di terra a pochi passi dal mare.Due anni più tardi metà di quel terreno fu ceduto all'amico compagno di mille avventure, Geppetto.Vedi in proposito SU PALLOSU: IL BLOG http://supallosu.blogspot.com/2010/07/i-primi-pescatori-di-su-pallosu.html



La casa di Su Pallosu divenne la base per le uscite in mare a pesci e a corallo. Un mare allora, parliamo come detto degli anni '60 che offriva ancora davvero molto, anzi moltissimo.Una ricchezza impressionante da far impallidire i pescatori di oggi.

domenica 18 luglio 2010

Alcuni lavori di Gianni Atzori
DECORAZIONI IN TRACHITE



La Sartiglia di Oristano.



Delfini.





Fenicotteri.



Ballo sardo.

Architrave decorato.



Tra i vari materiali lavorati artigianalmente da Gianni Atzori c'è anche la trachite di Fordongianus. Suoi lavori sono esposti attualmente in luoghi pubblici quali noti hotel e ristoranti della provincia di Oristano.


domenica 11 luglio 2010

Ambiente/ Is canis de istrexu non amancant in logu nostu
"CABAINDI IS MANUS DE IS ARENAS ! "
Prenit de illusionis una bidda famia de triballu

Riproponiamo oggi un altro formidabile scritto politico in sardo di Gianni Atzori.Si tratta di note politiche in un primo momento elaborate da me, in italiano, liberamente tradotte da mio padre.Il tema è quello del contestatissimo progetto del golf, hotel, resort e residence nel bosco costiero di Is Arenas (inserito nell' elenco dei Siti d' Interesse Comunitari per l'esistenza di Habitat Prioritari,dell'Unione Europea), comune di Narbolia in provincia di Oristano.Ritengo questo scritto interessante oltre che per la consueta originalità dei termini sardi usati, anche per l'eleganza e l'enorme forza politica raggiunta attraverso la lingua sarda.

PIEMONTESUS, CABAINDI IS MANUS DE IS ARENAS !
Est mannu s'avaotu ki nd'est bessiu a pillu in custu contu da Is Arenas.Medas bucas kistionant de attentau a s' autonomia, a sa dignidadi de is sardus e a sa possibilidadi de detzidi ki s'est abarrau.
Est un contu giai intendiu e biu atras bortas in sa storia lunga e beccia de domu nosta.
Unu strangiu cabat in Sardigna po portai ananti is interessus de una multinatzionali, s'aposentat in sa costera e ponenti, prenit de illusionis una bidda famia de triballu, pedit e agatat finantziamentus pubblicus po miliardus e totus currint avatu de is isprigus e de imbirdiu colarau ki ddis at promitiu.

Fintzas is campionis de sardidadi currint oi avattu de custu imbrogliu mannu.
Narant ki sa gherra est contra is piemontesus de oi, non cussus de ariseu ; a nai sa beridadi s'unicu piemontesu ki est bessiu a campu in custu contu est su printzipali de sa sotziedadi Is Arenas.
Seus bivendi de custus tempus un dannu mannu poita sa siccangia est ponendi cu a terra totus is messaius in Campidanu.S' arrosu non si podit ponni, su lori nemancu, ne bietola, ne tomatiga. E custus strangius si permittint de giogai cun s'akua po tenni a friscura is furisteris.
Ant bogau 18 funtanas, funt cabaus fintzas a 170 metrus de profondidadi, si funti collegaus a sa reti idrica de su Sinis, funt accabendi de suspi s'akua de sa falda freatica.
Totu custu po fai giogai is istrangius cun is boccioeddas ki movint cun dunu fusti.
Est de ariseu ki s'est pesada sa boxi de Tziu Mariu Matta, presidenti de sa Coldiretti de Aristanis, po pedi giustamenti a sa Regioni sa dichiaratzioni de "calamita' naturale", po custa siccangia ki est potendi a su disisperu is massaius.C'est de nai ki sa politica regionali parit cantu mancu ammakiada.
Cun d'una manu s'assessore a s'ambienti at pediu in su 1996 s'intrada de Is Arenas in sa nera de is trettus de importu comunitariu e cun s'atra manu in su 1997 s'est posta de accordiu cun sa sotziedadi Is Arenas po ponni in pei su progettu insoru.Duas cosas ki non podint in nisciuna manera curri in pari.
E bistu ki non d'ant fattu is politucus sardus ki in custas disi funt aboxiendi , olleus arregodai su ki est costau a totus is sardus su boscu de Is Arenas, in triballu, in impreu, in sacrificiu e in dinai pubblicu, po essi a sa fini bendiu po pagu soddus a is piemontesu de turnu, ki si olint ancora mulli comenti sempri ant fattu in terra 'e Sardigna, cun s'aggiudu de is canis de istrexu ki non amancant in logu nostu.
Tengiadiddu a contu su Presidenti 'e su contzillu e de sa giunta regionali, po sa Di 'e sa Sardigna.
Su 27 de Abribi 2000, Aristanis

A nomini de Is Birdis de Aristanis (Andrea Atzori)

venerdì 2 luglio 2010

1980/Caso De Luca
QUANDO GIURARE IN SARDO
(SECONDO QUALCUNO)
ERA REATO
il prefetto di Oristano denunciò Atzori, Ortu e Bonesu


INQUISITI PER AVER GIURATO IN LINGUA SARDA


Gianni Atzori fu uno dei protagonisti di un clamoroso procedimento giudiziario, poi archiviato, apertosi per il giuramento in lingua sarda del sindaco di Bauladu (Oristano).



Il fatto è del 1980; il primo cittadino del piccolo paese dell'oristanese, Italo Ortu, all'atto del suo insediamento oltre al rituale giuramento in italiano, ne effettuò uno anche in lingua sarda. Il prefetto di Oristano Pietro De Luca- davanti al quale aveva giurato Ortu- denunciò lui e i suoi due testimoni che lo accompagnavano: Gianni Atzori appunto e il legale Salvatore Bonesu. Per mesi le cronache dei giornali (come si nota dal video) si occuparono politicamente e giudiziariamente dell' episodio. Si svolsero dibattiti con polemiche accesissime in vari consigli comunali e anche al consiglio regionale. Tutto questo si svolgeva sul finire del 1980.

La lingua sarda è stata riconosciuta con Legge Regionale n. 26 del 15 ottobre 1997 "Promozione e valorizzazione della cultura e della lingua della Sardegna" come seconda lingua ufficiale della Regione autonoma della Sardegna, a fianco dell' italiano.

Lo stato italiano ha riconosciuto ufficialmente il sardo con Legge n.482/1999, " Norme in materia di tutela delle minoranze linguistiche storiche ". All'art. 2, comma 1, la legge sancisce che :

In attuazione dell'articolo 6 della Costituzione e in armonia con i princípi generali stabiliti dagli organismi europei e internazionali, la Repubblica tutela la lingua e la cultura delle popolazioni albanesi, catalane, germaniche, greche, slovene e croate e di quelle parlanti il francese, il franco-provenzale, il friulano, il ladino, l'occitano e il sardo.