domenica 19 settembre 2010

Vita pubblica
GIANNI ATZORI IN CONSIGLIO COMUNALE
eletto con 266 preferenze nel 1985


Gianni Atzori è stato eletto in consiglio comunale ad Oristano per il Partito Sardo d'Azione (con 266 preferenze) nel maggio del 1985.Ha ricoperto la carica di capogruppo dei "quattro mori"(7 consiglieri, secondo gruppo in consiglio).Insieme a lui in consiglio comunale ad Oristano: Maria Teresa Sechi (dopo la scomparsa subentrò Alvise Pintus), Gigi Sanna, Franco Mariotti, Carlo Pettinau e Giorgio Farris (al quale poi subentrò Linalba Ibba) e Antonio Lavra.Non ha mai assunto la carica di assessore. Nell'articolo del 15 maggio qui sotto, dal quotidiano La Nuova Sardegna, le preferenze di tutti gli eletti, tutte le liste in quella tornata elettorale.
Per leggere integralmente l'articolo cliccare sopra e usare lo zoom.

lunedì 30 agosto 2010

I lavori di Gianni Atzori
I CAVALLUCCI MARINI IN CORALLO
gioielli sardi




Tra i gioielli in corallo rosso realizzati da Gianni Atzori questi probabilmente sono tra i più riusciti.
Notare che l'occhio è stato realizzato con l'inclusione di una punta del raro corallo nero del Sinis.

martedì 27 luglio 2010

La passione per il mare
ARAGOSTE E CORALLO
Gianni Atzori a Su Pallosu




Il mare, che passione.Pesci, corallo e Su Pallosu.Nel 1961 una svolta decisiva di Gianni Atzori fu l'acquisto dal Comune di San Vero Milis di un pezzo di terra a pochi passi dal mare.Due anni più tardi metà di quel terreno fu ceduto all'amico compagno di mille avventure, Geppetto.Vedi in proposito SU PALLOSU: IL BLOG http://supallosu.blogspot.com/2010/07/i-primi-pescatori-di-su-pallosu.html



La casa di Su Pallosu divenne la base per le uscite in mare a pesci e a corallo. Un mare allora, parliamo come detto degli anni '60 che offriva ancora davvero molto, anzi moltissimo.Una ricchezza impressionante da far impallidire i pescatori di oggi.

domenica 18 luglio 2010

Alcuni lavori di Gianni Atzori
DECORAZIONI IN TRACHITE



La Sartiglia di Oristano.



Delfini.





Fenicotteri.



Ballo sardo.

Architrave decorato.



Tra i vari materiali lavorati artigianalmente da Gianni Atzori c'è anche la trachite di Fordongianus. Suoi lavori sono esposti attualmente in luoghi pubblici quali noti hotel e ristoranti della provincia di Oristano.


domenica 11 luglio 2010

Ambiente/ Is canis de istrexu non amancant in logu nostu
"CABAINDI IS MANUS DE IS ARENAS ! "
Prenit de illusionis una bidda famia de triballu

Riproponiamo oggi un altro formidabile scritto politico in sardo di Gianni Atzori.Si tratta di note politiche in un primo momento elaborate da me, in italiano, liberamente tradotte da mio padre.Il tema è quello del contestatissimo progetto del golf, hotel, resort e residence nel bosco costiero di Is Arenas (inserito nell' elenco dei Siti d' Interesse Comunitari per l'esistenza di Habitat Prioritari,dell'Unione Europea), comune di Narbolia in provincia di Oristano.Ritengo questo scritto interessante oltre che per la consueta originalità dei termini sardi usati, anche per l'eleganza e l'enorme forza politica raggiunta attraverso la lingua sarda.

PIEMONTESUS, CABAINDI IS MANUS DE IS ARENAS !
Est mannu s'avaotu ki nd'est bessiu a pillu in custu contu da Is Arenas.Medas bucas kistionant de attentau a s' autonomia, a sa dignidadi de is sardus e a sa possibilidadi de detzidi ki s'est abarrau.
Est un contu giai intendiu e biu atras bortas in sa storia lunga e beccia de domu nosta.
Unu strangiu cabat in Sardigna po portai ananti is interessus de una multinatzionali, s'aposentat in sa costera e ponenti, prenit de illusionis una bidda famia de triballu, pedit e agatat finantziamentus pubblicus po miliardus e totus currint avatu de is isprigus e de imbirdiu colarau ki ddis at promitiu.

Fintzas is campionis de sardidadi currint oi avattu de custu imbrogliu mannu.
Narant ki sa gherra est contra is piemontesus de oi, non cussus de ariseu ; a nai sa beridadi s'unicu piemontesu ki est bessiu a campu in custu contu est su printzipali de sa sotziedadi Is Arenas.
Seus bivendi de custus tempus un dannu mannu poita sa siccangia est ponendi cu a terra totus is messaius in Campidanu.S' arrosu non si podit ponni, su lori nemancu, ne bietola, ne tomatiga. E custus strangius si permittint de giogai cun s'akua po tenni a friscura is furisteris.
Ant bogau 18 funtanas, funt cabaus fintzas a 170 metrus de profondidadi, si funti collegaus a sa reti idrica de su Sinis, funt accabendi de suspi s'akua de sa falda freatica.
Totu custu po fai giogai is istrangius cun is boccioeddas ki movint cun dunu fusti.
Est de ariseu ki s'est pesada sa boxi de Tziu Mariu Matta, presidenti de sa Coldiretti de Aristanis, po pedi giustamenti a sa Regioni sa dichiaratzioni de "calamita' naturale", po custa siccangia ki est potendi a su disisperu is massaius.C'est de nai ki sa politica regionali parit cantu mancu ammakiada.
Cun d'una manu s'assessore a s'ambienti at pediu in su 1996 s'intrada de Is Arenas in sa nera de is trettus de importu comunitariu e cun s'atra manu in su 1997 s'est posta de accordiu cun sa sotziedadi Is Arenas po ponni in pei su progettu insoru.Duas cosas ki non podint in nisciuna manera curri in pari.
E bistu ki non d'ant fattu is politucus sardus ki in custas disi funt aboxiendi , olleus arregodai su ki est costau a totus is sardus su boscu de Is Arenas, in triballu, in impreu, in sacrificiu e in dinai pubblicu, po essi a sa fini bendiu po pagu soddus a is piemontesu de turnu, ki si olint ancora mulli comenti sempri ant fattu in terra 'e Sardigna, cun s'aggiudu de is canis de istrexu ki non amancant in logu nostu.
Tengiadiddu a contu su Presidenti 'e su contzillu e de sa giunta regionali, po sa Di 'e sa Sardigna.
Su 27 de Abribi 2000, Aristanis

A nomini de Is Birdis de Aristanis (Andrea Atzori)

venerdì 2 luglio 2010

1980/Caso De Luca
QUANDO GIURARE IN SARDO
(SECONDO QUALCUNO)
ERA REATO
il prefetto di Oristano denunciò Atzori, Ortu e Bonesu


INQUISITI PER AVER GIURATO IN LINGUA SARDA


Gianni Atzori fu uno dei protagonisti di un clamoroso procedimento giudiziario, poi archiviato, apertosi per il giuramento in lingua sarda del sindaco di Bauladu (Oristano).



Il fatto è del 1980; il primo cittadino del piccolo paese dell'oristanese, Italo Ortu, all'atto del suo insediamento oltre al rituale giuramento in italiano, ne effettuò uno anche in lingua sarda. Il prefetto di Oristano Pietro De Luca- davanti al quale aveva giurato Ortu- denunciò lui e i suoi due testimoni che lo accompagnavano: Gianni Atzori appunto e il legale Salvatore Bonesu. Per mesi le cronache dei giornali (come si nota dal video) si occuparono politicamente e giudiziariamente dell' episodio. Si svolsero dibattiti con polemiche accesissime in vari consigli comunali e anche al consiglio regionale. Tutto questo si svolgeva sul finire del 1980.

La lingua sarda è stata riconosciuta con Legge Regionale n. 26 del 15 ottobre 1997 "Promozione e valorizzazione della cultura e della lingua della Sardegna" come seconda lingua ufficiale della Regione autonoma della Sardegna, a fianco dell' italiano.

Lo stato italiano ha riconosciuto ufficialmente il sardo con Legge n.482/1999, " Norme in materia di tutela delle minoranze linguistiche storiche ". All'art. 2, comma 1, la legge sancisce che :

In attuazione dell'articolo 6 della Costituzione e in armonia con i princípi generali stabiliti dagli organismi europei e internazionali, la Repubblica tutela la lingua e la cultura delle popolazioni albanesi, catalane, germaniche, greche, slovene e croate e di quelle parlanti il francese, il franco-provenzale, il friulano, il ladino, l'occitano e il sardo.

martedì 29 giugno 2010

Scritti in lingua sarda su questione energetica e Cenzo Loy
"NARANT CA SEUS ALLUPENDI
PO MANCANTZIA DE ENERGIA..."

Due eccelsi scritti in sardo (per padronanza lessicale e proprietà di linguaggio ) di Gianni Atzori. Il primo è un intervento sulla questione energetica, che purtroppo- nonostante sia del lontano 1978 - non ha perso d'attualità, dato che il Governo Berlusconi vorrebbe oggi (2010) ritornare indietro nel tempo, proprio con la produzione di energia nucleare. Articolo- dicevamo rigorosamente e interamente in lingua sarda, pubblicato dal periodico " Fortza Paris ! " (giugno 1978). Il secondo invece riguarda la crisi politica in Provincia di Oristano ai tempi del Presidente democristiano Cenzo Loy che, sfiduciato dal suo stesso partito, per lungo tempo rifiutò di abbandonare la poltrona. Un'analisi acuta e spietata sulla classe dirigente locale.

Questo secondo pezzo è stato pubblicato da "IL SOLCO" del 1 Aprile 1984, pag. 15, con il titolo "Aristanis: e imòi seus arribaus a s'urtima cruba".


In entrambi i testi in evidenza, al contrario dei luoghi comuni, la ricchezza del linguaggio usato e delle parole autenticamente sarde, non provenienti da traduzione dall'italiano. Anche in contesti estremamente specifici come può essere il tema della produzione di energia o di una crisi amministrativa locale, Gianni Atzori aveva una facilità di linguaggio in lingua sarda che lo portava ad esprimersi in maniera originale, chiara ed efficace. Per leggere i testi cliccare sopra l'articolo e usare lo zoom.

Porto Torres, 1981
XX CONGRESSO PSD'AZ

"E' stato con ogni probabilità il più corretto dicitore in lingua sarda". Così scrive il giornalista Tore Zappadu (quotidiano L'Altro Giornale del 7 dicembre 1981 pag.7) sull'intervento al ventesimo Congresso (Porto Torres) del Partito Sardo D'Azione di Gianni Atzori.Per leggere il testo cliccare sull'articolo e usare lo zoom.

San Salvatore, Cabras, 1980
"MILITARIS LIZZEI SU LOGU ! "
audio originale



Sintesi di questo intervento pubblico di Gianni Atzori del 23 marzo 1980 lo trovate anche nel noto Volume "Ello Ellus"- Grammatica della Lingua Sarda (Poliedro)- considerata la maggior grammatica sarda specifica- curata dal linguista Eduardo Blasco Ferrer (pag.360-361) come esempio di Testo Argomentativo in lingua sarda. La manifestazione popolare era stata indetta contro la proposta di installazione di un radar militare nella collina di San Salvatore, nel comune di Cabras. Gianni Atzori si è occupato spesso di Servitù Militari e ha sempre denunciato con forza i danni dell'occupazione di vasti tratti dell'isola. Nelle foto del video è visibile la presenza numerosa di cittadini all'iniziativa di protesta .La registrazione- audio originale in esterno- era stata fatta da Don Peppino Murtas e trasmessa più volte da una radio locale di Oristano (ROR).

sabato 26 giugno 2010

1984: a Udine, al congresso del Movimento Autonomista
GIANNI ATZORI IN FRIULI
dal quotidiano italiano Il Giorno


Articolo del quotidiano nazionale italiano IL GIORNO del 17 settembre 1984.Per leggere il testo cliccare sopra e usare lo zoom.

BIOGRAFIA DI GIANNI ATZORI: 1925-2002


Giovanni Atzori, noto Gianni, insegnante elementare, figura politica oristanese, artigiano e uomo di cultura.
Nacque ad Oristano (Sardegna) nel 1925, figlio del Falegname Boiccu Atzori, fu maestro elementare e artigiano. Ha condiviso la sua vena artistica con i fratelli Nicola, Lelle e Peppinetto.

Fu tra i primissimi sostenitori in Sardegna della lingua sarda quale idioma da portare all’interno della vita pubblica. Con lui il sardo entrò- in manierà pressochè rivoluzionaria per i tempi (fine anni 50)- nelle scuole pubbliche della provincia: Cabras prima tra queste, dove è ancora oggi conosciuto con il nomignolo di “Su Maistu“. Il suo uso del sardo, variante campidanese, sia in forma parlata che scritta, è da sempre unanimente riconosciuto per ricchezza espressiva, originarietà e proprietà di linguaggio.Fu tra i pochi infatti a evitare la contaminazione italianista delle parole e a mantenere vivo un sardo forbito, autentico e sempre adeguato al contesto.


Giovanissimo iniziò a lavorare come guida turistica all'estero in Francia e in Svizzera (1949-53), prima a Parigi, successivamente a Biarritz (paese basco-francese), rientrò in Sardegna dove alternò il suo lavoro di maestro elementare alla passione per l’archeologia. E’ stato tra i primi oristanesi a rendersi conto dell’importanza della penisola del Sinis nella preistoria sarda collaborando con l'amico l'archeologo Enrico Atzeni (professore di Paleontologia e di Antichità sarde all’Università di Cagliari) nel rinvenimento di alcuni preziosi reperti, oggi esposti nei principali musei sardi. Intorno agli anni ‘50, insieme a Angelinu Iriu, meglio noto come Geppetto ( nella foto a lato Gianni e Geppetto con una cernia), fu uno dei primi subacquei della provincia di Oristano, nelle acque della penisola del Sinis e nella marina di San Vero Milis, Su Pallosu in particolare.La passione per il mare lo portò a conoscere la grande ricchezza di pesce, ma anche di corallo, dei fondali tra S.Giovanni di Sinis, l'isola di Mal di Ventre e Capo Mannu. Nel 1969 la sua passione per l’attivita subacquea gli costò un embolo spinale che gli compromise l’uso delle gambe per vari mesi. Con grande sforzo riacquistò parzialmente la deambulazione durante i due anni sucessivi con frequenti visite in cui maturò una notevole conoscenza mineralogica e paleontologica nell’isola.
Celebre un suo accalorato discorso in lingua sarda durante una manifestazione di protesta contro le servitu’ miitari in Sardegna, citato largamente in contesti politici e linguistici (San Salvatore, Cabras, 1980).Consigliere comunale nella seconda metà degli anni ’80 e capogruppo nel comune capoluogo per il Partito Sardo d’Azione, fu tra i dirigenti del partito dei quattro mori anche a livello nazionale sardo. Ad Oristano guidò la sezione cittadina, assieme -fra gli altri- a Maria Teresa Sechi (già presidente della Provincia di Oristano). Componente della Commissione Comunale alla toponomastica per la lingua sarda, diede un contributo significativo alla ricerca della elaborazione dei nomi in sardo delle attuali vie e piazze di Oristano. Già consigliere di Amministrazione dell’Esit (Ente Sardo Industrie Turistiche) e anche componente della Comitato Misto Paritetico sulle Servitù Regionali.
Insieme a Gigi Sanna, e’ stato autore anche di una delle prime pubblicazioni sulla letteratura in Lingua Sarda e sulla storia della Sardegna-copertina a lato- (Sardegna, Lingua Comunicazione e Letteratura, edizioni Castello e Omines- edizioni Castello ). Con questa pubblicazione prima e con " Omines dal Neolitico all’ eta’ Nuragica" (edizioni Castello) poi, attraverso l’esame delle tavolette bronzee di Tzricotu (Cabras), nonostante l’inspiegabile silenzio e scetticismo di alcune autorita’, contribuì in maniera concreta a rilanciare il dibattito sul controverso tema dell’esistenza di una scrittura nuragica o paleosarda. Fu anche un grande appassionato d’arte: lavorò svariati materiali.Dall’ossidiana del Monte Arci (nella foto alcuni coltelli), ai coralli rosso e nero (quest'ultimo prima di allora sconosciuto in Sardegna) del Sinis, alle pietre dure, ma anche il corno, l'osso e la trachite di Fordongianus.




Collezionista di minerali e fossili sardi e non solo, ha partecipato a svariate decine di mostre ed esposizioni in ogni parte d’Italia.


Le sue opere (statuine-nella foto-, gioielli, collane e monili vari) sono state esposte fra l’altro all’Antiquarium Arborense di Oristano (1995) nella fortunata mostra intitolata “Aurum Nigrum” e attualmente possono essere visitate nelle collezioni permanenti dei comuni di Pau sul Monte Arci (Provincia di Oristano) e di Teulada (Provincia di Cagliari).Cinque gioielli artigianali, realizzati da Gianni Atzori in argento e pietre dure si trovano invece in una mostra permanente del Museo del costume e del gioiello sardo presso il Palazzo Boyl di Milis (Provincia di Oristano).Si tratta di: una “perda ‘e latti” in cristallo di roccia, una “perda ‘e bambini” in diaspro rosso, una “perda ‘e tronu” in diaspro verde, una “perda ‘e fogu” e un “pinnacheddu” in ossidiana. Gli amuleti sono stati donati nel 2004 al comune di Milis dalla famiglia Atzori .

Due Servizi dal Telegiornale di Rai 3
L'OSSIDIANA DI...GIANNI ATZORI


Servizio RAI Tg3 Sardegna n.1


Servizio Rai Tg3 Sardegna n.2

Due servizi trasmessi su Rai 3, Tg Sardegna, curati dal giornalista Antonello De Candia.

Servizio di Sardegna 1
LA LAVORAZIONE DELL' OSSIDIANA



Servizio di Sardegna 1 Televisione sulla lavorazione dell'ossidiana effettuata da Gianni Atzori.